Sezioni

La lampada del diavolo

"La pazzia, signore, se ne va a spasso per il mondo come il sole, e non c'è luogo in cui non risplenda." W. Shakespeare

Spagna,1936: Francis Mc Nulthy è un volontario inglese che milita tra i  lealisti nelle Brigate Internazionali. Catturato dai nazionalisti, imprigionato e condannato a morte, viene graziato perché scambiato per un medico americano. L'inglese, per vigliaccheria, lascerà questi essere fucilato al posto suo. Di questa sua colpa sulla coscienza, Mc Nulthy non riuscirà mai a perdonarsi e  con questo vergognoso rimorso dovrà angosciosamente convivere.

Londra, 1975:  l'estate londinese è spazzata da venti freddi ed impetuosi. L’anziano poeta McNulthy
 inizia a ricevere visite da parte del fantasma di Franco, il Caudillo. McNulthy immagina se stesso come l'esorcizzato del dipinto di Goya  e capisce che se lasciasse spegnersi la fiammella della ragione, cedendo a ritenere queste visioni soltanto un delirio mentale, perderebbe la sua anima. In Spagna, negli stessi momenti in cui nel palazzo reale si consuma l’agonia del Generalissimo, McNulthy dovrà compiere un sacrilego atto liberatorio e disfarsi così di fantasma e sensi di colpa. McGrath è specialista nell'indagine di quelle ossessioni, fobie e voragini psichiche che possono portare alla follia. Lo è pure di luoghi e atmosfere decadenti, come la casa di McNulthy a Cleaver Square. Ma, forse, ancora di più, di come quella disgregante condizione crepuscolare giunga a contagiare l'animo umano.


Prenota "La lampada del diavolo"

La lampada del diavolo di Patrick McGrath, La nave di Teseo, 2021

#consiglidilettura